lepleiadi1

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Bolide osservato dalla Capanna Gorda

Bolide osservato dalla Capanna Gorda

BOLIDE E ORIONE

Luogo: Capanna Gorda in Valle di Blenio
Data: 12.11.2015 alle ore 00:14
Osservatore: Ivo Scheggia

Approfittando del bel tempo e di qualche giorno di vacanza, mi sono recato in valle di Blenio alla ricerca di cieli scuri per fotografare.

Come raramente capita, non ho avuto problemi tecnici e pure la meteo ha collaborato splendidamente. Non c'era vento, la temperatura era calda per essere novembre. Proprio quando pensavo che le cose non potessero andare meglio, sono addirittura migliorate. Il programma della serata era fotografare con un obiettivo fotografica Canon da 135 mm F/2.0 la nebulosa Testa di Strega (NGC1909) alla destra di Rigel nella costellazione di Orione. Alle 22:15 ho controllato che la messa a fuoco fosse buona, ho stretto tutte le manopole e frizioni del mio piccolo inseguitore fotografico a sono partito con un lunga sequenza di fotografie da 3 minuti.

Nell'attesa sono rientrato in capanna per controllare che il lavoro in remoto presso l'osservatorio del Monte Lema procedesse senza intoppi. Ogni tanto, tanto per essere sicuro uscivo dalla capanna per controllare che non ci fossero problemi con la macchina fotografica e sopratutto che il cielo fosse ancora terso.
Bene alle 00:14, proprio mentre guardavo Orione è precipitato un bolide che ha letteralmente rischiarato il cielo esplodendo ed attraversando la piccola parte di volta celeste che stavo fotografando! Una coincidenza più che fortunata.

 

Il bolide ha lasciato dietro di se una scia rossastra che dopo decina di secondi e scomparsa dalla visione a occhio nudo.
Resistendo alla tentazione ho deciso di non interrompere le fotografie. Questa scelta mi ha permesso d'immortalare l'evoluzione della scia lasciata nell'alta atmosfera dal piccolo meteorite e aumentare il numero di pose complessive per la fotografia finale.

Ecco qui un animazione risultato di 13 fotografie ognuna di 3 minuti. Si può seguire la dissoluzione della scia per quasi 40 minuti:

Infine la fotografia finale che volevo ottenere. Da un lato si vede la famosa nebulosa di Orione (M42) e sulla destra La nebulosa Testa di Strega (NGC1909).
La stella brillante al centro è Rigel (magnitudine +0.2).

Potete notare che puntando a mano e sopratutto a memoria ho sbagliato l'inquadratura della foto.
Una coincidenza fortunata visto che mi ha permesso di riprendere l'esplosione del Bolide.

Ivo Scheggia

 

Notizie flash

Unione Astrofili Italiani newsletter 18 aprile 2019 (clicca per leggere)

 

Unione Astrofili Italiani newsletter 29 marzo 2019 (clicca per leggere)

 

Unione Astrofili Italiani newsletter 13 marzo 2019 (clicca per leggere)

 

Unione Astrofili Italiani newsletter 31 dicembre 2018 (clicca per leggere)

 

Unione Astrofili Italiani newsletter 21 dicembre 2018 (clicca per leggere)